Anas per il Sisma 2016

Soggetto Attuatore per il ripristino della viabilità nei territori interessati dagli eventi sismici 2016
(ex OCDPC 408/2016 - Art.4)

home_4_def

Anas per il Sisma 2016

Soggetto Attuatore per il ripristino della viabilità nei territori interessati dagli eventi sismici 2016
(ex OCDPC 408/2016 - Art.4)

home_3

Anas per il Sisma 2016

Soggetto Attuatore per il ripristino della viabilità nei territori interessati dagli eventi sismici 2016
(ex OCDPC 408/2016 - Art.4)

home_2_def

Anas per il Sisma 2016

Soggetto Attuatore per il ripristino della viabilità nei territori interessati dagli eventi sismici 2016
(ex OCDPC 408/2016 - Art.4)

home_1

Il ripristino della viabilità nei territori interessati dagli eventi sismici a partire dal 2016 è il nostro obiettivo in qualità di Soggetto Attuatore di Protezione Civile e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Dall’inizio dell’emergenza abbiamo effettuato oltre 1.800 ispezioni tecniche rilevando la necessità di oltre 1.670 interventi per superare criticità di diversa natura e priorità, per un valore totale di oltre 1 miliardo di euro, suddivisi in più stralci di intervento, a cui stiamo dando attuazione in maniera incrementale di concerto con gli enti locali.

La rete stradale colpita dal sisma è particolarmente estesa e danneggiata in maniera rilevante e diffusa. Complessivamente è interessata una superficie di 7.600 kmq che comprende 4 Regioni, 10 Provincie, 140 Comuni e oltre 1770 centri abitati, per una rete stradale di 15.300 km, dei quali 11.000 km di competenza comunale.

#Anasperlaricostruzione #TerremotoCentroItalia

News

Top News
  • Svolte cinque Conferenze dei Servizi con seduta telematica per interventi nella provincia di Ascoli Piceno
  • Abruzzo, Anas: affidati i lavori di ripristino del viadotto San Gabriele lungo la ex ss80 “del Gran Sasso d’Italia” nel centro abitato di Teramo
  • Presentato lo stato di attuazione aggiornato del Programma di ripristino della viabilità post-Sisma 2016
  • Sisma 2016, Anas: riaperta la SS685 “Delle Tre Valli Umbre” tra Arquata e il confine umbro per la stagione invernale
  • Sisma 2016, Anas: riapertura invernale della SS685 “delle tre valli umbre” tra Arquata e il confine umbro
page-mappa

Svolte cinque Conferenze dei Servizi con seduta telematica per interventi nella provincia di Ascoli Piceno                                                                                       

22 Maggio 2020
Logo Strada

Abruzzo, Anas: affidati i lavori di ripristino del viadotto San Gabriele lungo la ex ss80 “del Gran Sasso d’Ital.......

30 Aprile 2020
Logo Strada

Presentato lo stato di attuazione aggiornato del Programma di ripristino della viabilità post-Sisma 2016                                                                                         

28 Gennaio 2020

Focus

SS685 “delle Tre Valli Umbre”

Dal 22 febbraio 2019 il transito sull’itinerario stradale Norcia-Arquata del Tronto è consentito senza alcuna limitazione di orario a tutte le autovetture e ai veicoli fino a 3,5 tonnellate.

Strade Provinciali

La SP 477 (tratto I) – SP477 (tratto II) – in collegamento con la SS685 nel Comune di Norcia – Versante Umbro;

La SP89 – SP34 – SP477 (tratto III) – in collegamento con la SS4 nel Comune di Arquata del Tronto – Versante Marchigiano di Ascoli Piceno;

La SP64 – SP129 – in collegamento con la SS4 nel Comune di Arquata del Tronto – Versante Marchigiano di Ascoli Piceno;

La SP134 – SP136 – in collegamento con la SP209 nel Comune di Visso – Versante Marchigiano di Macerata

Nel dettaglio, per ogni itinerario si illustrano le criticità rilevate durante la redazione del Piano Sisma e lo stato di attuazione degli interventi programmati per la loro risoluzione.

Ex SS209 “Valnerina”

La SP 209 della Valnerina realizza il collegamento tra le Regioni Marche e Umbria, unendo i Comuni di Visso, Ussita e Castel Sant’Angelo del Maceratese al Comune di Spoleto nel Perugino.

A seguito degli eventi sismici del mese di agosto e ottobre del 2016, la vallata nella quale ha sede la provinciale è stata fortemente segnata da una frequenza considerevole di crolli indotti.